Aggirare la Grande Crisi
  culinaria - di Cristina Coppola  
 
 

Tradizione e Parsimonia le parole d’ordine di quest’anno anche in cucina: strategie contenitive per aggirare la Grande Crisi…



Che sia con la pummarola o cacio e pepe, liscia o rigata, fresca o secca, la pasta è sempre la migliore ambasciatrice della qualità italiana e Hollywood non si sottrae al fascino di un bel piatto di spaghetti. Al personal trainer l’America assolda una nuova figura, un vero e proprio “personal pasta chef”, i migliori chef nostrani imbastiscono a domicilio succulenti primi piatti per appagare i viziati divi.
Nonostante le ibridazioni fusion e le mode passeggere anche in Italia la vittoriosa e maggiormente bramata portata resta il “primo piatto”: e allora non stupisce che i tre piatti celebrati quest’anno come i migliori 2012, dalla Bibbia gourmet, Il Gambero Rosso, siano tre primi: Carnaroli pomodoro e basilico di Christian Costardi, il mago del risotto, la Lasagna partenopea con fuso di mozzarella di bufala e crema al pomodoro del napoletano Tonino Mellino e uno Spaghetto olio limone caviale e crema di cozze che si è accaparrato il premio De Cecco. E’ l’evoluzione della cucina mediterranea l’avanguardia gastronomica italiana: vuol dire difendere il made in Italy, vuol dire puntare sulla ricerca di equilibrio tra memoria del passato e moderna sensibilità estetica e tecnica.
Con il boom di coltivazioni in proprio di fiori, ortaggi e frutta arriva quest’anno anche il “personal trainer della zappa”. Circa 1 italiano su 4 coltiva il proprio orto e dalla Fondazione Campagna Amica promossa dalla Coldiretti parte l’iniziativa. Obiettivo: offrire assistenza a domicilio al numero crescente di italiani affascinati dalla possibilità di garantirsi cibi genuini a contatto con la natura, direttamente in casa propria. “In quattro fasi il tutor insegna a diventare orticoltori esperti ed aiuta nell’opera di preparazione, piantumazione, gestione e raccolta dei frutti che l’orto regala”, spiega Coldiretti.
Nel 2011 nasce anche il primo social network culinario fai da te: nato a Chicago, si sta propagando in tutti gli Usa, New York in testa. Grubwithus.com, ╦ un’idea geniale: online si formano gruppi virtuali, offline si va tutti insieme al ristorante. Un modo saporito per conoscere gente nuova, uno snob sostituto delle guide gastronomiche per autoctoni e stranieri, un sistema economico per sperimentare le nascoste chicche culinarie cittadine. Intanto anche in Italia la socialitř on-offline si intreccia con la cucina. Al recente concorso “Dal- l’idea all’impresa” promosso da Milano Metropoli Agenzia di Sviluppo, uno dei progetti vincenti ╦ stato Kook Sharing: Claudio Garosci e Valeria Baggia hanno dato forma a un concept di cucina alternativo che a fine ottobre ha aperto in zona Isola a Milano: senza padroni n╚ chef patron, un’atmosfera domestica intrisa di design, dove chiunque, di conosciuto o sconosciuto, può accedere e cucinare.
In Cina in contraltare ci sono “ i ristoranti ad ore”: “compra, cuoci e mangi ci┌ che vuoi». Single, studenti, giovani lavoratori posseggono a stento un piatto, una pentola e un paio di bacchette, nel proprio monolocale. Il primo passo per «ricevere», ospitare ╦ dunque cenare fuori ma a basso prezzo: ecco che nascono i ristoranti in cui cucinano i clienti, ci si porta tutto: alimenti, bevande e, per risparmiare, anche il detersivo per lavare i piatti!!! Altro che strategie anti-crisi!! Seguendo questa scia In Asia c’è anche il ristorante fai-da-te «prematrimoniale». I promessi provano pranzi e cene e capiscono abilitř e gusti del partner, il convivio diventa il test per la convivenza!!
Sulla scena contemporanea dobbiamo imparare a conoscere anche gli stem-to-root chef, i geni dei ristoranti a 5 stelle che non buttano via nulla e anzi sperimentano, utilizzando tutto ciò che normalmente viene scartato, dal gambo alla radice delle verdure. Riciclo e risparmio sono parole d’ordine in tempi di recessione economica e di prodotti ecocompatibili, creare non vuol dire stravolgere ma saper trasformare alla grande ciò che si ha”. L’etica va d’accordo con la creatività tra i fornelli e la ricchezza della buona tavola, una filosofia in puro stile Slow Food.

 

Procediamo ora in ordine stellare: Guida Michelin 2012:
Tre Stelle a Massimo Bottura.
Le nuove due stelle sono tutte del Sud, una al mio compatriota campano Tonino Mellino dei Quattro Passi a Nerano!

 

 







 

MeMo GasTRoNomICo 2012
Madrid Fusion 2012 : X anniversario 24, 25, 26 gennaio 2012: le porte della generazione futuro del talento
SIGEP: 33° Salone Internazionale della Gelateria, Pasticceria e Panificazione Artigianali Fiera di Rimini 21.01.2012 - 25.01.2012
Identità Golose: ottava edizione - Milano 05.02.2012 - 07.02.2012
SAPORE: Mostra Internazionale dell'Alimentazione. Gusti riti e tendenze 24 ore fuori casa RIMINI Fiera Professionals only 19.02.2012 - 22.02.2012
VINITALY: 46° Salone Internazionale del Vino e dei Distillati. VERONA FIERE 25.03.2012 - 28.03.2012
CIBUS: 16° Salone Internazionale dell'Alimentazione - Fiere di Parma 07.05.2012 - 10.05.2012
Eurocarni: 25° Salone Internazionale delle Tecnologie per Lavorazione e Distribuzione delle Carni. VERONA FIERE 24.05.2012 - 27.05.2012

BUON ANNO A TUTTI!!!!

 

 
- la rivista on-line (pdf)
- eventi & recensioni